Archivi del mese: settembre 2008

Ciao, Fast Eddie

Fast Eddie lo Spaccone, Nick “Mano Fredda”, l’artista della truffa de “La Stangata”: Paul Newman.

Ci ho messo un po’ per ritrovare questa foto, scattata da Eve Arnold nel 1955, che mi sembra lo rappresenti molto bene. Così, senza parole.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Cinema

Voyager, o Delle Innocue Ossessioni

Ammetto che a volte le mie frequentazioni televisive sfiorano il paradosso: io sono uno scettico per natura, diffido profondamente del paranormale e ho troppa vergogna della mia ignoranza in materia scientifica per apprezzare la pseudo-scienza. Eppure, ogni volta che mi imbatto in una puntata di Voyager, passo decine di minuti incollato allo schermo, inveendo come un lunatico contro Giacobbo. Sono una perfetta tele-vittima, non mi perdo nemmeno un Chupacabra in salamoia, ambisco a possedere un elicottero nero e ormai potrei sezionare alieni a occhi chiusi.

Ho perso il debutto della nuova stagione, che prometteva sconvolgenti rivelazioni su Machu Picchu – le stesse di cui la popolazione locale ride a crepapelle da anni, come mi assicura un amico che ha visitato quella zona. Per compensare, ho visitato il sito della trasmissione (no, non lo metto il link: ho deciso di entrare nei Men in Black quindi insabbio anch’io) per dare un’occhiata ai video più promettenti.

E santo cielo, ne trovo uno che mi spiega la storia di come Paul Mc Cartney sia morto nel 1966, quando i Beatles erano all’apice del successo, e sia stato rimpiazzato da un sosia. Continua dopo la pubblicità: CLICCA

2 commenti

Archiviato in TV

Ritorno al Crepuscolo

Seconda parte dei Racconti della Cripta Informatica.

Riassunto delle puntate precedenti: il nostro responsabile commerciale viene invitato a una Convenscion di XXX, un’azienda che in pratica è uno zombi in quanto è appena stata acquistata dal suo maggior rivale YYY con la dichiarata intenzione di smembrarla.

Il meeting, che è riservato ai commerciali e quindi si suppone molto glamour, si svolge in una nota località balneare. I partner sono invitati interamente a spese di XXX e alloggiano in un lussuoso albergo sul mare. Il meeting è incentrato sul lancio di un nuovo prodotto (ripeto, ad azienda praticamente ormai inesistente e peraltro il nuovo prodotto non potrebbe mai trovare posto nel portfolio di YYY).
Gli speaker, tutti marketing e sales (regola di Dilbert: mai far parlare un tecnico in situazioni delicate), sono pervasi da un entusiasmo degno di un vampiro in una banca del sangue. Le presentazioni sono infarcite di proclami di ottimismo e promesse di combattere fino all’ultimo uomo – cosa che comunica un sinistro senso di Non-Morte perché la battaglia è già avvenuta, l’ultimo uomo è già caduto da un pezzo e qualcuno che non dovrebbe, si muove ancora. Clicca qui per l’agghiacciante finale!

6 commenti

Archiviato in Informatica, Vita Vissuta

Il Crepuscolo degli Dei Minori (racconto morale in due parti)

Gotterdammerung

Gotterdammerung

La maggior parte dei miei amici non si occupa di Informatica e in passato, quando questo settore esercitava più fascino sul grande pubblico – all’epoca delle “dot com”, il Nasdaq che tirava come un treno etc. etc. – alcuni mi chiedevano com’era lavorare in un ambiente così competitivo ma nuovo e interessante. Io rispondevo che giravano più soldi che buon gusto (e questo è stato vero fino a quando non sono finiti pure i soldi) e che la competitività è bella finché non finisci in basso nella catena alimentare.

Quando una delle aziende con cui lavoravamo fu comprata dalla rivale storica, scrissi questo resoconto della vicenda – rigorosamente vero – e lo inviai a diversi amici. Era il periodo delle grandi acquisizioni ed episodi simili accaddero a ripetizione, ma questo in particolare mi colpì per quello che accadde dopo. Clicca qui per l’angoscioso racconto

1 Commento

Archiviato in Informatica, Vita Vissuta

Corsi di Musica da Almost Associazione Culturale

Ricevo e ben volentieri pubblico: sono aperte le iscrizioni ai corsi di Musica e Strumento promossi da Almost Associazione Culturale.


Si tratta di un’iniziativa a cura degli amici Silvia Cavatorta e Corrado Equilibrati, delle cui gesta ho già scritto in queste pagine: quindi non esitate, approfittate dei buoni maestri.

1 Commento

Archiviato in Musica

L’arte dello Storytelling

Stasera ce l’ho fatta: ho guardato quasi per intero la terza puntata di “Il Sangue e la Rosa”. Mi aveva incuriosito il finale della prima, venti memorabili secondi durante i quali la bella di turno veniva rapita in carrozza da un Barone lascivo (probabilmente non era un barone, ma mi piace pensarlo così) che scrutandola da sotto i sopracciglioni con gli occhi un po’ alla Ben Turpin le chiedeva lubrìco una cosa del tipo “Signorina, ma lei ha mai partecipato… a un’orgia?!”. Alla reazione sdegnata della figliola, il bruto reagiva appioppandole una saracca al mento e lanciando la carrozza a tavoletta per le strade di Roma – a proposito, ne “Il Sangue e la Rosa” in tutte le strade di Roma c’è un mercato, a qualunque ora del giorno: ma fortunatamente al momento del ratto è notte fonda e nessuno viene stirato dal cocchio. Clicca qui per lo sconvolgente seguito

1 Commento

Archiviato in TV, Vita Vissuta

Backstage di Only You

Domenica ho avuto l’opportunità di infiltrarmi alle prove di “Only You”, il lavoro che Daniele Albanese, Loredana Scianna e Maurizio Soliani presenteranno il 20 settembre a Castelbolognese.
Sono rimasto praticamente tutto il pomeriggio a guardare Daniele e Loredana preparare con una cura e una meticolosità infinite la loro parte: un lavoro di ore, sia fisico che mentale, che ho trovato assolutamente magnetico. Clicca qui per il resto dell’articolo e le immagini

1 Commento

Archiviato in Danza, Teatro