Progetto “The Stranger Strangers”

Come annunciato nei commenti del post precedente, ho “costretto” Guido a un’amichevole competizione per immaginare qualche scenario diverso per rimpolpare la scarna trama di “The Strangers”. Inoltre, mi è venuta in mente un’acuta interpretazione alternativa di quelle che vanno di moda su Internet che spiega alcune stranezze della sceneggiatura (e ovviamente introduce molte più contraddizioni e incongruenze, ma il bello di Internet è che non è necessario giustificare le teorie più bislacche).

Tutto dopo il salto pagina, sempre per non spoilerare chi non ha ancora visto. Lo ammetto, è un post particolarmente inutile e goliardico 🙂

Ok, la mia teoria alternativa è questa: “The Strangers” è in realtà un racconto di formazione, in cui assistiamo alla presa di coscienza e al coming out dei tre maniaci. Questo è supportato dall’ultima battuta di una delle ragazze del trio alla fine del film: “La prossima volta sarà più facile”. Come abbiamo visto, Kristen e James erano due perfetti idioti, che non sarebbero durati 5 minuti contro Jason o Hannibal Lecter. Se gli Strangers hanno trovato difficile ammazzare loro (ammesso che ci siano riusciti: Kristen potrebbe essere sopravvissuta), significa che erano alla loro prima volta.
Analizziamo i fatti. Quando la biondina bussa alla porta la prima volta, non porta la maschera: l’ultima cosa che si aspettava era che due imbecilli che stanno in una casa isolata le aprissero la porta in piena notte. Presa di sorpresa, ha detto la prima scemata che le è venuta in mente (“C’è Tamara?”. Probabilmente è una sua zia di Cleveland).
Quando iniziano gli assalti, Faccia di Juta prende ad accettate prima la porta e poi il pianoforte. James reagisce sventrando la porta a fucilate, ma lo manca da mezzo metro: dubito che il nostro mascherone volesse fare da bersaglio in quel modo, con ogni probabilità dopo aver schivato il colpo ha pianto per mezz’ora. E ogni volta che Kristen scosta una tenda e ci trova dietro uno Stranger, non è che loro lo facciano apposta: è che si fanno scoprire perché come stalkers sono scarsi. L’agguato presso il capanno riesce soltanto perché James è un beota: se al suo posto ci fosse stato uno normale, avrebbe incollato la bionda a un albero con una fucilata, dato che se ne stava in piedi ferma con una torcia in mano canticchiando “shoot me, shoot me”. E quando James ammazza per errore Mike? Quello che non vediamo è la rezione del Mascherone, che probabilmente sta scappando verso l’orizzonte lasciando una scia di fumo. 
Vedete? Tutto torna.

E ora veniamo alle trame alternative, liberamente ispirate a film esistenti (come il 99% delle produzioni hollywoodiane). Attribuibili al sottoscritto e a Guido.

rambostrangers2“John Rambo vs The Strangers”: Dopo l’ultima guerriglia cambogiana John Rambo si ritira in cerca di pace in un eremo della zona rurale del Michigan. Una sera bussano alla sua porta chiedendo dove fosse Tamara. A quel punto sente irrompere nella sua abitazione, e si prepara in mimetica e machete alla mano.
Dopo che il primo Stranger si ritrova la lama nella rotula, il terzetto si da alla fuga. Uno di loro finisce in una trappola di bamboo appuntiti, gli altri sopravvivono e corrono nel bosco. A quel punto il nostro amato veterano appicca un incendio per stanarli, e una volta usciti allo scoperto li fredda con il suo arco dotato di munizioni esplosive, trasformandoli in poltiglia fumante.
Al mattino dopo arrivano i due giovani predicatori, che nel mentre hanno vinto un Guinness World Record per maggiore distanza e numero di volantini distribuiti, e gli offre un buon English Breakfast con Shortbutter, avvertendoli di stare attenti perchè c’è gente strana che bazzica quelle parti. (by GP)
[NdFab: questa per me vince il premio come Locandina dell’Anno] 

 

 

 

mammahopersoglistrangers1“Mamma ho perso gli Strangers” (genere hollywoodiano-preadolescenziale).
Alla fine del primo film, i maniaci incrociano due ragazzini in bicicletta prima di andarsene; nel seguito, ci ripensano e decidono di fare a strisce pure loro. Li bloccano dentro la casa, ma non si rendono conto che uno dei due è McCauley Calkin, o come cazzo si scrive, che per quanto undicenne si è già fatto mesi di clinica per la riabilitazione dall’alcool perché anche se non ha ancora la barba beve come Amy Winehouse. MCC con la sua astuzia riesce a respingere gli assalti dei tre e a farli finire schiacciati dal pianoforte, fulminati dalla radio nel capanno e sodomizzati dall’altalena in giardino. Il fucile non lo guarda neanche perché non gli serve e perché sennò si alza il rating del film. (by Fab)

 

steven-seagal_vs_strangers“Programmato per uccidere gli Strangers dopo un impatto fatale con una trappola tra i ghiacci” (genere Steven Seagal) – Con Steven Seagal e un branco di inutili umanoidi che tanto campano poco. I primi 30 minuti servono per descrivere il background di Seagal che è il migliore fisico nucleare della Terra e lavora per i servizi segreti ma vuole uscirne perché i servizi segreti sono deviati, padre affezionato diviso da una moglie un po’ stronza, maitre à penser buddista-ecologista e naturalmente grande praticante di arti marziali (senza che questo sia minimamente giustificato dal profilo del personaggio); il tocco di originalità è che lui indossa costantemente un giaccone lungo. Seagal si reca in un capanno isolato in uno Stato non ben definito per salvare una minoranza etnica sfruttata da un’altra minoranza etnica più brutta, quando viene attaccato dagli Strangers! Il loro patetico tentativo di intrappolarlo in casa fallisce in 5 secondi, il tempo che ci mette Steven ad abbrancarne uno per il collo e a farglielo a torciglione. Gli altri due gli rapiscono la figlia, ma questo fa solamente incazzare il nostro imperturbabile eroe, che dopo averli terrorizzati seguendoli sinistramente ovunque, gli fa mangiare le maschere e gli torce il collo come un fusillo. Il fucile lo usa solo per pulirsi i denti, perché non gli serve. [by Fab: curiosamente questa trama ha più senso del film dello stesso Steven Seagal che sto guardando ora su Rai Due: Today You Die]

tesorostrangers“Tesoro, Mi si sono ristretti gli Strangers”: Il nostro amato terzetto irrompe nella casa del professor Wayne Szalinski e incautamente azionano un macchinario che li rimpicciolisce. Purtroppo erano ignari del fatto che la famiglia stava facendo le pulizie di Pasqua, e finiscono inghiottiti nell’aspiratore ad acqua. (by GP)

 

 

 

“The Strangers 2 – The Two of Spades” (genere horror, tremendo). Lo scenario più agghiacciante, già annunciato nel post precedente. 
Il protagonista è fidanzato con Liv Tyler, ma lei senza addurre motivazioni plausibili, gli dice che non gliela sgancia più. Sconsigliato ai cardiopatici. Mentre il pubblico è preso dal panico o rannicchiato sul pavimento in posizione fetale, la voce di lei insegue il povero protagonista nei corridoi sinistri della casa, pronunciando frasi atroci tipo “non vorrei rovinare una bella amicizia”, “non mi sento pronta a impegnarmi”, “ho bisogno di stare da sola” e “però possiamo rimanere abbracciati tutta la notte, sarà bellissimo lo stesso”. La presenza dei maniaci è assolutamente superflua, data la situazione già raccapricciante di uno che prende un due di picche da Liv Tyler: ma se li si vuole proprio inserire, il protagonista li può decimare a morsi non appena se li trova davanti. (creata da Guido e Fab all’uscita dal cinema, immediatamente dopo il film)

Annunci

1 Commento

Archiviato in Cinema

Una risposta a “Progetto “The Stranger Strangers”

  1. guidoponzini

    ho le lacrime agli occhi 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...