Archivi categoria: Teatro

Maurizio (agg. 30/06/2010)

Provo un’angoscia enorme nello scrivere queste righe, uno sconcerto abissale al pensiero di dover commentare la morte di un amico.
Devo farlo, perché non riesco a esprimere in altro modo, neppure parlando con le persone più vicine, il dolore che ho provato ricevendo la notizia della morte di Maurizio Soliani. Una fine tragica, violenta e assurda, che ci ha strappato una persona preziosa.

Ho incontrato Maurizio per l’ultima volta solo pochi giorni fa: l’avevo trovato fisicamente un po’ affaticato, ma disteso e cordiale. Commentava con altri la riuscita di uno spettacolo a cui aveva collaborato al Teatro Europa. Era contento, ma da quel perfezionista che era, aveva rilevato le parti migliorabili della resa sonora e stava scambiando le sue opinioni con i colleghi. In mezzo alla ressa del dopo-spettacolo ci siamo scambiati un saluto veloce , qualche parola e poi non ci siamo più visti per il resto della serata.
Ora che non avrò più la possibilità di parlargli, cerco di ricordare tutto quello che sapevo di lui, cerco di scoprire da chi lo conosceva meglio di me tutte le cose che non sapevo di lui.

Ricordo che mi telefonò qualche tempo dopo la perdita della madre: pur nel momento dolorosissimo del lutto, ci teneva a ringraziarmi di aver partecipato al funerale e di essergli stato vicino in quel momento. Parlammo a lungo: soprattutto di musica. Stava lavorando al suo metodo compositivo, stava cercando di infondere rigore e forma alle sue intuizioni. Ieri ho ripensato con amarezza a quella conversazione, leggendo un articolo su un giornale cittadino in cui si affermava, con insultante approssimazione, che Maurizio aveva “l’hobby della musica”. No, aveva una passione infinta per la musica: possedeva sensibilità, estro e competenza. L’atteggiamento distaccato e noncurante del dilettante non gli apparteneva.
Quella volta (e in molte altre occasioni) mi parlò anche dei suoi studenti dell’Enaip: si preoccupava per loro, li ascoltava e li capiva. Il loro futuro era una delle cose che gli stava più a cuore. Detestava la superficialità con cui a volte si parla “dei giovani”.

Maurizio aveva a volte atteggiamenti burberi e sanguigni, anche bruschi. Mi è capitato spesso di pensare che avrebbe dovuto prendere la vita con più calma e imparare a rilassarsi. Ma lui possedeva un intelletto irrequieto. Viveva la sua attività artistica con un’intensità bruciante, inconcepibile per chi ama la vita tiepida. Negli ultimi tempi stava portando avanti alcuni progetti a cui teneva molto e che ora spero non vadano perduti.

Ho qui accanto a me alcuni giornali e guardo gli articoli che parlano della tragedia che lo ha portato via. Vorrei che raccontassero tutto quello che ci ha lasciato, la sua musica, la sua forza, il ruvido inesauribile affetto che provava per gli amici. Vorrei che raccontassero Maurizio a chi non lo conoscerà mai…

Aggiornamento (30/06): le esequie verranno celebrate venerdì 2 luglio nella Chiesa del Corpus Domini (p.le G. Rolla 3, Parma), la cerimonia inizierà alle 08.30. Il corteo funebre partirà dall’Ospedale Maggiore, dove la camera ardente sarà aperta dalle ore 07:00. Il rosario si terrà giovedì 1 luglio alle 20.30, sempre presso il Corpus Domini.

Annunci

3 commenti

Archiviato in Musica, Teatro

“Occhi Verdi Color Di Foglia…”: Tributo a Fabrizio De André

Di questi tempi (giustamente) si moltiplicano i tributi a Fabrizio De André: io vi segnalo quello che si terrà a Parma il 27/02, ore 21.00, presso l’Auditorium Paganini, perché ci saranno diversi amici che di sicuro ci offriranno una bella serata.

L’evento, intitolato “Occhi Verdi Color Di Foglia…”, sarà composto da musica e letture, con un cast decisamente interessante: tra i musicisti, Massimo Bubola, Bernardo Lanzetti ed Extra Band, Mascia Foschi e Tiberio Ferracane, Alberto “Maninblù” Padovani (accompagnati da Enrico Fava), Manuel Badu, il chitarrista Michelangelo Ferilli, Lorenzo Cavazzini, Rossella Volta & Cris Maramotti, Roberta Di Mario, Lorenzo Lollo Campani e Stefano Carrara, Gabriele Lorenzetto e Simone Franchi degli Outseason, il gruppo-tributo Anime Salve di Gianquinto Vicari in veste di resident band. Consentitemi una menzione speciale per Michela Ollari, che è una di quelle cantanti che qualunque musicista vorrebbe accompagnare almeno una volta.

Come se questo non bastasse, interverrà anche la straordinaria arpista Carla They, un’interprete con un curriculum di primissimo piano che si muove con disinvoltura tra il repertorio classico, la musica celtica e il jazz.

Le letture, tratte da brani dello stesso De André ma anche da Edgard Lee Masters, Georges Brassens, Riccardo Mannerini e Alvaro Mutis, saranno a cura di Alessandra Azimonti, Loredana Scianna, Umberto Fabi e Raffaele Rinaldi.

I biglietti sono in vendita presso il Teatro Regio, al costo di 10 € per il primo settore e 7 € per il secondo.

Lascia un commento

Archiviato in Musica, Teatro

Only You per Teatro Errante

Nel mio piccolo, faccio sempre volentieri da “cassa di risonanza” per il lavoro dei miei amici teatranti, danzerini e musicanti. Ho già avuto modo in passato di segnalare “Only You (and you alone)”, il lavoro della compagnia STALK di e con Daniele Albanese, Loredana Scianna e Maurizio Soliani; questa volta vi comunico le loro prossime date, nell’ambito di un’iniziativa chiamata Teatro Errante, a cura di Emilia Romagna Teatro Fondazione. Il progetto ha lo scopo di portare il teatro dove non esista un luogo deputato – quindi nelle province, nei paesi, nelle Terre Desolate, a Mordor dove l’Ombra Cupa Scende… insomma dove non ci sono teatri stabili.

L’idea è lodevole e importante, ma al momento ancora poco conosciuta: questi signori meritano tutto l’appoggio di chi ama le arti performative, quindi occorre diffondere il messaggio e andarsi a vedere gli spettacoli (no, la brutta stagione non è una scusa: anzi, sarete riparati da un ampio tendone circense).

E quale migliore occasione per conoscere Teatro Errante se non assistere a “Only You (and you alone)”?

Cliccando questo link: onlyyou_stalk_teatroerrante potrete scaricare il PDF della Newsletter di Only You con la descrizione dello spettacolo e della Rassegna. Trovate la data e la location più comoda e partecipate numerosi!

Lascia un commento

Archiviato in Danza, Musica, Teatro

“Dipinti d’Amore” (update)

Altre notizie sull’evento di Torrechiara (v. ultimo post). L’amico Umberto Fabi mi gira questo comunicato di Parma Turismi, che pubblico molto volentieri:

Già dalle prime settimane i percorsi correggeschi hanno riscosso grande successo: sono oltre 10.000 le presenze registrate nei luoghi inseriti nell’itinerario “L’arte ai tempi del Correggio”, promosso e organizzato dalla Provincia di Parma. Numeri che dimostrano quanto siano apprezzati dal pubblico i percorsi volti ad ammirare e conoscere alcuni grandi cicli pittorici contemporanei a Correggio e a scoprire gli affreschi, la tecnica e le storie racchiuse nei castelli e nelle corti del Parmense.

Anche il prossimo fine settimana sarà ricco di eventi e questa volta a far da protagonista sarà, domenica 12, il Castello dei Rossi di Torrechiara.

Nel pomeriggio, alle ore 15.30 si terrà una visita guidata gratuita (max. 60 persone) seguita alle ore 17 dall’evento scenico “Dipinti d’amore” in parole e musica di Umberto Fabi con Loredana Scianna, Guido Ponzini, Giovanni Amighetti.

Clicca QUI per continuare

1 Commento

Archiviato in Musica, Teatro

Letture e Musica a Torrechiara

Signori, questo evento segnatelo sul vostro calendario preferito perché non dovete perderlo: Castello di Torrechiara (PR), domenica 12 ottobre alle 17.00 – un happening di letture e musica con quattro personaggi che, se siete “del giro”, sicuramente conoscete (e che altrimenti vorrete conoscere).

Umberto Fabi: attore, autore e regista dalla straordinaria inventiva e dalla infinita curiosità per ogni forma espressiva. Troppi talenti per essere riassunti in poche righe: qualunque descrizione non gli rende giustizia, dovete semplicemente vederlo su un palco.

Loredana Scianna: performer. Su queste pagine non ha bisogno di presentazioni perché è ormai una protagonista abituale sia negli articoli che nei commenti.

Giovanni Amighetti: compositore, pianista, tastierista; è una delle menti creative di Arvmusic, etichetta specializzata in World Music. I suoi lavori sono in costante equilibrio tra classicità e avanguardia, sperimentazione e World: le sue collaborazioni costituiscono un curriculum di assoluta eccellenza.

Guido Ponzini: bassista e stickista. Come ho già scritto in un altro post, il suo talento come interprete è assolutamente sbalorditivo, ma Guido non è semplicemente un virtuoso dello strumento: è un musicista completo e un compositore originale e pieno di inventiva.

Il tema dell’happening è “Dipinti d’amore”, ma per il momento non ci è dato sapere il programma esatto della giornata (nessuno dei quattro ama scoprire le carte prima dello spettacolo). Non ci resta quindi che salire al Castello e scoprire quello che Umberto, Loredana, Giovanni e Guido hanno in serbo per noi: come sempre, accorrete numerosi!

Lascia un commento

Archiviato in Musica, Teatro

Backstage di Only You

Domenica ho avuto l’opportunità di infiltrarmi alle prove di “Only You”, il lavoro che Daniele Albanese, Loredana Scianna e Maurizio Soliani presenteranno il 20 settembre a Castelbolognese.
Sono rimasto praticamente tutto il pomeriggio a guardare Daniele e Loredana preparare con una cura e una meticolosità infinite la loro parte: un lavoro di ore, sia fisico che mentale, che ho trovato assolutamente magnetico. Clicca qui per il resto dell’articolo e le immagini

1 Commento

Archiviato in Danza, Teatro

Death Pattern

Questo è un appuntamento che non voglio perdere e che segnalo volentieri a chi capitasse su queste pagine, un’occasione per vedere all’opera tre artisti creativi, bravissimi e probabilmente folli: Loredana Scianna, Daniele Albanese e Maurizio Soliani.
Il 5 settembre la Rocca di Noceto (transustanziata in Castello della Musica) ospita un loro nuovo lavoro intitolato “Death Pattern”: nel suo blog, Loredana fornisce alcuni spunti di riflessione e un’abbozzo di genesi di questo progetto, quindi vi rimando alla lettura ma soprattutto – avendo già visto all’opera questa formazione – “vi esorto alla Rocca”. Intervenite numerosi e aspettatevi l’inaspettato!

5 Settembre 2008, ore 22.30
Castello della Musica di Noceto

Compagnia Stalk
“Death Pattern”
Partitura fisica: Daniele Albanese
Musica originale: Maurizio Soliani
Collaborazione musicale: Michele Riccomini
Corpo vocale: Loredana Scianna

1 Commento

Archiviato in Danza, Musica, Teatro